Le spese di liberalità sostenute nel corso del 2009 dal Gruppo Terna, interamente riferite alla capogruppo Terna, risultano pari a 659.425,23 euro.

Di queste spese, alcune hanno contribuito alla realizzazione di infrastrutture di pubblico beneficio, in particolare nel caso del Museo MAXXI (Museo delle arti del XXI secolo di Roma). Come previsto dal regolamento del Premio Terna02, l’artista primo classificato ha devoluto il 70% del premio (70.000 euro) per la costruzione della mediateca che documenta la produzione artistica contemporanea italiana ed internazionale, in relazione alle attività scientifiche del museo.

La Società ha inoltre destinato uomini e mezzi a supporto delle operazioni di soccorso ed emergenza che sono seguite al terremoto in Abruzzo di aprile 2009: Terna ha messo a disposizione una squadra di 20 uomini con 2 automezzi pesanti, attrezzati con autogru in grado di movimentare pesi per oltre 170 quintali, 2 camion da carico, 2 camion attrezzati di auto cestello con capacità di innalzamento di oltre 18 metri e 4 fuoristrada. Terna ha inoltre sostenuto il MU.SP.A.C. Museo Sperimentale d'Arte Contemporanea della città dell'Aquila, gravemente danneggiato dal sisma del 6 aprile.

Nel corso del 2009, durante i lavori di dismissione ristrutturazione di tre proprie sedi, Terna ha donato tavoli, sedie e cucine da mensa ad associazioni senza scopo di lucro. In particolare, i materiali sono stati destinati al Centro anziani di Fiano Romano e alla Onlus Agape per le cucine di un proprio centro in Romania.

La cessione di asset obsoleti ha riguardato anche circa 200 dotazioni informatiche (PC, stampanti), destinati a Onlus, Istituti scolastici, parrocchie associazioni di volontariato su tutto il territorio nazionale.

A febbraio 2009 Terna ha sottoscritto una convenzione con il IV Municipio di Roma, presente il sindaco Gianni Alemanno, per la riqualificazione ambientale di una zona del quartiere Montesacro. L’area intorno a via della Marcigliana, dove ha sede il più importante impianto di trasformazione dell’energia elettrica della Capitale di proprietà Terna, versa da tempo in uno stato di grande degrado: in base a questo accordo Terna si è impegnata alla bonifica delle zone demaniali e private limitrofe e alla messa in sicurezza di tutta la strada. E’ prevista inoltre l’installazione di sistemi di sbarramento, recinzione e videosorveglianza, e la sistemazione dell’accesso alla Stazione elettricai di Roma Nord nonché un pattugliamento da parte delle Forze dell’ordine per scoraggiare e reprimere attività illegali.