Il rapporto con gli operatori del servizio elettrico

Le principali controparti di Terna sono gli operatori del settore elettrico che ricadono in una o più delle seguenti categorie:

  • proprietari di porzioni di rete elettrica, ai quali Terna deve garantire il diritto di connessione nel rispetto delle prescrizioni normative e tecniche;
  • utenti del dispacciamento, ossia produttori, clienti finali o grossisti,  con i quali Terna regola il servizio di dispacciamento;
  • clienti interrompibili, vale a dire i clienti finali del prelievo che offrono a Terna  servizio di interrompibilità del proprio carico;
  • imprese di distribuzione e i proprietari di impianti di produzione, con i quali Terna regola il servizio di trasmissione dell’energia  sulla propria rete.

I rapporti tra gli operatori di settore e Terna sono regolati principalmente dalle Autorità di settore e  trovano la propria definizione tecnica e commerciale nel Codice di rete.

Nell’ambito del servizio di dispacciamento, in particolare, Terna regola con gli utenti del dispacciamento in immissione le partite economiche relative all’approvvigionamento delle risorse necessarie per tutelare la sicurezza del sistema elettrico nazionale, assicurando l’equilibrio tra immissioni e prelievi e garantendo i corretti livelli dei parametri di rete, come la tensione e la frequenza.

Le partite economiche relative all’approvvigionamento sul Mercato dei Servizi di Dispacciamentoi (MSD) e allo sbilanciamento per gli utenti dell’immissione, sono passive e hanno registrato nel 2009 un valore di circa 1,3 mld €.

Sempre con gli utenti del dispacciamento in immissione e anche con quelli del prelievo Terna regola le partite economiche relative allo sbilanciamento, inteso come differenza tra i programmi che gli utenti  hanno presentato nei mercati dell’energia e i valori reali di energia immessa e prelevata.

Le partite economiche relative allo sbilanciamento per gli utenti del prelievo, comprensive della fatturazione degli oneri di sistema, sono attive  e hanno registrato un importo di circa 1,6 mld € nel 2009.

Nel 2009 Terna ha continuato ad approvvigionare risorse per il servizio di interrompibilità del carico finalizzate alla sicurezza del funzionamento del sistema elettrico nazionale nel caso in cui le risorse approvvigionate sul mercato si rivelassero insufficienti. Gli assegnatari del servizio di interrompibilità nel 2009 sono circa 130 per circa 3.400 MW di potenza e la relativa regolazione economica passiva vale su base annuale circa 480 milioni €.

Operatori del settore elettrico in rapporto con Terna Numero di soggetti (1)

SOGGETTI 2009 2008 (2) 2007
Utenti interrompibili 134 120 131
Distributori direttamente connessi alla RTN 19 21 21
Titolari impianti di produzione 77 75 1200
Utenti del dispacciamento in immissione (Produttori e Trader) 77 75 74
Utenti del dispacciamento in prelievo (Trader e clienti finali incluso l’Acquirente Unico) 106 102 98

1 Il numero è riferito al perimetro delle unità fisiche ubicate in Italia a dicembre di ciascun anno
2
Dal 1° gennaio 2008, la grande maggioranza dei piccoli impianti di produzione  è confluita nella titolarità del GSE. Secondo quanto previsto della delibera 280/07, il corrispettivo CTR PRODUTTORI viene regolato direttamente tra Terna e GSE per tutti gli impianti in regime di ritiro dedicato.

Customer Relationship Management

Nel corso del 2009 è entrato in fase di implementazione il Customer Relationship Management (CRM) di Terna. Il progetto è finalizzato a individuare e realizzare metodologie e tecnologie integrate con gli strumenti di comunicazione, per gestire il contatto con il cliente attraverso un portale web (My Terna), in cui le controparti possono interagire, comunicare e accedere agli applicativi di Terna.  Un altro obbiettivo è individuare soluzioni per automatizzare i processi di business che prevedono il contatto diretto con gli operatori esterni, quali ad esempio la gestione dei contratti e delle connessioni. Il portale MyTerna diventerà lo strumento di comunicazione ufficiale degli operatori con Terna: garantirà l’accessibilità e la tracciabilità  del contatto, nonché la  gestione dello stato delle richieste e pratiche in corso; consentirà la disponibilità di informazioni sui dati rilevanti, sia fisici sia economici, degli operatori e permetterà l’accesso a procedure ed informazioni di dettaglio.  

Ai fini di sviluppare uno strumento che rappresenti correttamente sia le esigenze di Terna sia quelle degli operatori esterni, è stato previsto il coinvolgimento degli utenti del dispacciamento, delle imprese distributrici e delle associazioni di categoria. Il coinvolgimento si è concretizzato nella presentazione del progetto e nella costituzione di tre gruppi di lavoro che hanno il compito di validare i requisiti funzionali, individuare le nuove esigenze e contribuire allo sviluppo di una reportistica. Ai gruppi sarà inoltre richiesto, nel corso dell’implementazione del progetto prevista nel 2010, di contribuire ai test di rilascio del portale pilota.

Nell’ottica di automatizzare i processi è inoltre in esercizio, da fine 2009, il nuovo Portale del Metering, che oltre a migliorare la qualità dei precedenti servizi (pubblicazione mensile delle curve dell’energia immessa e prelevata), permette lo scambio e la consultazione via web di tutte le informazioni necessarie all’esercizio della misura.