Premio Terna 02, alla ricerca di una nuova estetica tra attualità e sostenibilità

Temporali di Alberto Garrutti, primo classificato categoria Torawatt Premio Terna '02Il Premio Terna è un grande progetto culturale per la promozione degli artisti e dell’arte contemporanea attraverso una inedita formula di sinergia tra il sistema dell’arte e quello dell’impresa.
I numeri della seconda edizione danno la misura del contributo di Terna alla crescita culturale del Paese; in particolare:

  • 3.527 opere iscritte, 371 opere iscritte in più rispetto al Premio Terna 01;
  • 45 artisti di fama in concorso (quasi il doppio rispetto il PT01);
  • 14 opere vincitrici esposte al MAXXI di Roma per la serata della Premiazione: è stata la prima mostra in assoluto del nuovo Museo nazionale delle arti del XXI secolo;
  • 57 opere esposte al Tempio di Adriano in Roma nel periodo natalizio con oltre 30.000 visitatori;
  • 4 milioni di pagine visualizzate sul sito www.premioterna.com;
  • oltre 85.000 voci presenti in rete sui motori di ricerca;
  • oltre 100.000 iscritti alla newsletter del Premio (+40% rispetto al 2008);
  • oltre 600 uscite media (Tv, Radio, Stampa e web);
  • 4 pubblicazioni (Catalogo mostra PT01 a New York, Catalogo PT02, Catalogo Mostra PT02, Ricerca sul Futuro delle Arti Visive in Italia);
  • 10.000 coupon, con una speciale formula di auguri di Natale, riservati da Terna ai propri dipendenti e stakeholder per accedere gratuitamente a uno dei Musei della rete AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani.

La capacità di mettere in rete l’energia degli artisti già affermati e di quelli emergenti, coniugando ricerca e competizione, trasmissione di valori e di idee, iniziativa pubblica e privata, ha fatto del Premio Terna un “caso” originale nel panorama culturale nazionale, reso ancor più esclusivo dalla collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Terna infatti ha stipulato nel 2008 un innovativo Protocollo d’Intesa triennale con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Per le prime due edizioni il Comitato d’onore è stato presieduto dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Premio ha ottenuto, tra i patrocini, anche la medaglia del Presidente della Repubblica. Sono inoltre 100.000 le opere pubblicate sul sito del Premio Terna che di fatto è, in Italia, la più vasta galleria d’arte on line.
L’edizione 2009 ha presentato numerose novità, prima fra tutte il tema: “Energia:Umanità = Futuro:Ambiente. La proporzione per una nuova estetica”, volto a sensibilizzare gli artisti e il pubblico sulle nuove sfide del futuro, sui temi d’attualità e sostenibilità.
Nel 2009 è partito Connectivity, il progetto di internazionalizzazione del Premio con l’inserimento di una nuova categoria riservata a tutti gli artisti, italiani e non, che operano stabilmente all’estero: ogni anno viene scelta una capitale mondiale con la quale entrare in connessione. Prima tappa New York City dove, lo scorso 25 giugno, su invito del Chelsea Art Museum è stata inaugurata la mostra delle 16 opere vincitrici del Premio Terna 01.
Altra novità è la creazione del “Comitato Galleristi” per promuovere, al di là del perimetro temporale del concorso, un dialogo più autentico e costruttivo tra gli artisti e il mercato. I galleristi hanno trattato, attraverso un ciclo di incontri dedicati, temi d’interesse e formativi per gli artisti, quali la costruzione della carriera, le dinamiche del mercato dell’arte, il rapporto tra pubblico e privato e il ruolo delle Gallerie e dei collezionisti.
La capacità di coniugare cultura e responsabilità sociale d’impresa, tipica del Premio, si è tradotta nella messa in palio, per i primi classificati delle categorie Megawatt e Gigawatt, di “Artist Residence Program” presso l’International Studio & Curatorial Program (ISCP) di New York e, per il vincitore della categoria Connectivity, presso l’American Academy di Roma. Inoltre, il 70% del premio più importante è stato devoluto a favore di una iniziativa artistico-culturale.
Il Premio Terna ha infine promosso due indagini, in collaborazione con l’ISPO (Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione) e S3Studium sulle dinamiche di mercato dei musei italiani e sul futuro delle arti in Italia. Queste, sommate a quelle condotte nel 2008, rappresentano una memoria scientifica sulla realtà degli artisti e dell'arte contemporanea in Italia. I risultati dei sondaggi delineano un quadro di grande interesse che costituisce una base di ricerca per gli operatori di settore e per tutti coloro che sono interessati a questo importante fenomeno culturale.