Un accordo per la sicurezza con il Ministero dell’Interno

Accordo per la sicurezza con il Ministero dell'Interno

Da sinistra: Giuseppe Lasco, Direttore Sicurezza Aziendale di Terna; Giovanni Buttitta, Direttore Relazioni Esterne e Comunicazione di Terna; il Generale C.A. Leonardo Gallitelli, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri; il Prefetto Giuseppe Procaccini, Capo di Gabinetto; Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato di Terna; Roberto Maroni, Ministro dell’Interno; il Prefetto Antonio Manganelli, Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.

Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, e l’amministratore delegato di Terna, Flavio Cattaneo, hanno siglato a luglio 2009 un Protocollo d’Intesa per la sicurezza della Rete elettrica di Trasmissione Nazionale. Il Protocollo segna l’avvio di un piano di collaborazione tra il Ministero dell’Interno e Terna per la tutela di una delle maggiori infrastrutture strategiche del Paese.
Si tratta del primo accordo che il Ministero sigla con una Società privata, anticipando la futura normativa comunitaria e ponendo l’Italia all’avanguardia in materia di protezione di settori strategici del Paese.
Il Protocollo si pone l’obiettivo di prevenire e contrastare i tentativi di accessi illeciti ai sistemi informatici e di telecomunicazioni di Terna e assicurare la protezione fisica delle infrastrutture sensibili della Rete.
Il Ministero e Terna si sono impegnati a sviluppare un piano di collaborazione volto a prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti contro le infrastrutture informatiche critiche e ad aumentare i livelli di protezione fisica delle stazioni elettriche. Per fare questo gli innovativi strumenti informatici del Security Operationi Center di Terna saranno in costante collegamento con le forze dell’ordine.
Le iniziative adottate saranno monitorate ogni anno per verificarne l'efficacia e stabilire l'adozione di eventuali interventi migliorativi.